IL SORRISO

Il sorriso di Roma in questi giorni si è un po’ incrinato.
Sono giorni pesanti, fatti di tristezza e di malinconia, di ricordi che affiorano e lasciano senza fiato.
sono giorni in cui si ritorna a 14 anni fa, ma sembra ieri, sembra stia succedendo di nuovo, con la stessa angoscia di quei giorni, con lo stesso sapere di quei giorni che eravamo alla fine del nostro tempo assieme, che purtroppo ci stavano presentando il conto finale, il cancro era venuto a pretendere la sua parcella, parcella fatta di una vita umana che veniva stroncata fra tanto dolore e sofferenza.
La nostra e la tua, sofferenza e dolore che andavano di pari passo senza lasciarci tregua, assalendoci ad ogni momento del giorno e della notte.
Dolore per la ricerca che stavamo facendo, cercando di capire, di immaginare il futuro senza di te, ma senza riuscirci, sapendo solamente che non era giusto, che il tempo passato assieme era tropo poco e ne avremmo voluto altrettanto. per le parole non dette, per le carezze non fatte e le risate mancate.
14 anni fa in questi giorni stavamo aggrappandoci ad ogni medico, cercando le parole che avrebbero potuto dare una svolta a tutto, cercando i gesti che ti avrebbero permesso di stare ancora con noi, senza trovarli e sentendoci sempre più soea e abbandonate, da te, dalla medicina e dai medici che non sapevano cosa fare per trattenerti con noi.
E questi giorni presenti e pesanti si presentano in maniera più acuti tutti gli anni, in questo periodo, assalendoci con i ricordi più teneri.
Ricordi che rimarrano sempre chiusi nello scrigno della nostra memoria, nel nostro cuore.
Ciao pa’…ovunque tu sia

8 pensieri su “IL SORRISO

  1. Un abbraccio a te,e il canto delle cicale che sento dalla finestra,che arrivi fino a loro,che gli ricordi quanto li amiamo.
    Il mio l’ho perso otto anni fa,ma lo vedo e lo sento ogni giorno dappertutto,nelle mie parole,nel modo di rapportarmi a mio figlio,in tutto quello che mi ha insegnato.

  2. Pingback: IERI GUARDAVO IL CIELO | le nebbie di avalon 2.0

  3. Rileggendo a distanza di tempo questo post, mi sorprende la coincidenza del fatto che proprio ieri pensavo anch’io a mio padre e all’eredità che mi ha lasciato: una grande forza nell’affrontare le grandi avversità della sua vita. E ora questa sua forza mi aiuta nel percorso di cura… 😍

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.