LEGGENDO CON SENTIMENTO

Ho letto il libro di Anna. Me lo sono letto lentamente, non riuscivo ad andare più veloce.
E’ stato un risentire la voce al mio fianco.
Cominciai a seguire il suo blog silenziosamente nel 2009, entravo, leggevo, riflettevo, non commentavo, prendevo le misure, la annusavo, cercando di capire se poteva essere nelle mie corde.
Poi finalmente cominciai a rispodenre e lei ricambiava, leggeva, rifletteva, a volte commentav, a volte speiva mail in risposta, dicendo che non se la sentiva di pubblicare il suo commento. Mi predneva le misure, mi annusava, cercava di capire se potevo essere nelle sue corde.
Ed eravamo speculari l’una all’altra, lei sempre posata e riflessiva,io sempre un po’ caciarona, ma quando mi tendeva la mano per fare ciciara, non mi sottraevo, come quando la tendevo io a lei.
Poi finalmente nel 2010 siamo passate dal virtuale al reale, e ci siamo piaciute, ci siamo capite.
E così siamo andate avanti, sostenendoci a vicenda, facendo pazzie anche assieme (vedi il matrimonio di Anna Lisa), fino alla fine, fino al giorno della sua morte.
A quel punto mi rilessi tutto il suo blog, dall’inizio alla fine, commenti compresi, cercando di sentirmi meno sola, cercando di rievocare la sua voce, con il suo accento, che mi piaceva tanto e mi faceva sempre ridere.
E dal 17 aprile in poi il suo blog è diventato un libro, e l’ho riletto, tutto da cima a fondo e ho ccapito la grande diffenrenza.
A suo tempo, con il blog, avevo sempre avuto il tempo, di “digerire” i suoi post, il suo dolore e la sua allegria nonostante tutto, il libro, invece, questo scampo, non te lo lascia, è tutto lì, di seguito, via una pagina, avanti un’altra e non hai il tempo di metabolizzare, e ti rendi conto che un momento piangi copiosamente, ma poi il momento dopo ridi a crepapelle.
E questa è la magia di Wide

4 pensieri su “LEGGENDO CON SENTIMENTO

  1. ……che dire…..era il suo modo di scrivere i concetti esistenziali espressi così bene, era forse quel pizzico di autoironia, la simpatia naturale che in lei trovava terreno fertile, quell’intelligenza a 360 gradi che non abbracciava unicamente la malattia ma la vita in generale e la conoscenza dell’essere umano. Insieme a lei scovavi sempre, una sfaccettatura in più, un perché che non avevi colto. Non so cosa fosse, era bella, emanava freschezza e bontà, elegante e gentile e tanto caciarona quando ci si metteva di guizzo buono. Era una grande ascoltatrice, comprensiva e solidale, intorno a lei si percepiva un qualcosa davvero di magico.
    4p

  2. Io l’ho regalato alla mia mamma dopo averlo riletto,lo sta leggendo e intanto ne parliamo,ed io cerco di farle capire quanto sia stato e sia importante per me poter avere questa chiave di lettura mentre ero accanto al condottiero

    1. il condividere agli altri sembra una cosa insana, sembra quasi un volersi mostrare, ma non capiscono quanto sia importante incontrare, durante la condivisione, persone come Anna che aiutano a superare gli ostacoli con leggerezza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.