BALLI DI GRUPPO

Non c’è albergo sulla Riviera romagnola che non organizzi unaqualche festa per gli ospiti.

Specialmente durante la settimana a cavallo di Ferragosto.

Fino a qualche anno fa io e la Tata ci facevamo tutti gli alberghi della zona alla caccia degli sciucaren, una cosa….che voi umani non avete mai visto!

E questa tradizione viene rispettata tutt’ora in parecchi alberghi della Riviera.

Poi ci sono gli alberghi che organizzano la serata liscio…e lì vai di valzer, mazurke e polke.

Noi quest’anno abbiamo soggiornato una settimana in un albergo che orgaizzava le serate con l’ANIMATORE.

Figura mitica e un po’ inqietante che tenta di coinvolgere gli astanti sudati e accaldati di ritorno dalla spaiggia,con giochi e battute varie.

Ma il pezzo forte dell’ANMATORE sono i balli di gruppo.

Gruppo di solito composto da donne dai 50 anni in poi, che si scatenano in passi tutti uguali, agitando fianchi, bttendo le mani e buttando le braccia al cielo.

Quest’anno, forte della compagnia dei soliti amici, abbiamo stilato una classifica dei balli di gruppo storici.

il tutto sul Lungomare di Cervia, cantando e ridendo a crepapelle.

Io, che non mi tiro mai indietro, io che li so tutti, ho dato il meglio di me stessa, arrivando fino al mitico “Ballo di Simone”.

Chi non ricorda “Il ballo di Simone”?

Forza, avanti, non siate timidi….butta in aria le mani….e poi falle girar….se fai come Simone non puoi certo sbagliar….

Chi non ricorda “Mambo number five”? E “Macarena”?

Chi non le  ha ballate? Chi non si è dimenato al loro ritmo?

Suvvia, non siate timidi, qui lo potete confessare,giuro che non lo dirò a nessuno.

 

 

 

4 pensieri su “BALLI DI GRUPPO

  1. Mai ballato balli di gruppo . . . qualche lento, qualche shake e . . . molto, ma molto, tempo fa, qualche twist! ;)
    Però, come a te, diverte molto guardare queste signore agée rendersi ridicole! :D

    Ricordo bene “Il ballo di Simone” e ciò meraviglia i figli (forse pensano che sono nata vecchia e barbosa???) e ricordo, alle feste dell’uva quelli con la frusta (non so come si chiamano da noi in dialetto) . . . piacevano tanto da provare a imitarli con la frusta “fai da te”, creata in cantina con lo spago! ;)

    Ciao, Fior

    1. quella sera lì con gli amici li ho tirati fuori tutti, cominciando dal ballo di simone in poi. Fra di noi c’erano amici che non erano mai venuti in vacanza con noi, erano stravolti, non mi avevano mai vista così

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.