LETTERA APERTA ALLE AMICHE

Carissime ragazze, io a volte mi sento un po’ la vostra mamma, forse per via dell’età.

quando voi siete nate io ero giò alle superiori, di conseguenza ora vi guardo sempre con occho benevolo.

Ma voi, carissime ragazze, non dovete farmi preoccupare, perchè io, come mamma, sto molto in ansia per voi, il pensiero dei vostri problemi, a volte, si fa pesante.

E a Mia in questi giorni il pensiero corre abbastanza spesso, anche se lei è una roccia, o fa la roccia, io come mamma virtuale mi preoccupo e tento sempre di pensare positivo, per sostenerla ed incoraggiarla. Lei la sento molto affine a me, senza tanti fronzoli, diretta e senza tanti giri di parole.

Ma penso anche a Romina che sta attraversando un periodo duro e difficoltoso, penso a lei e a quell’abbraccio che ci siamo scambiate domenica scorsa a Termini, mentre ci salutavamo, e quel parlare fitto fitto per sostenerla, per farle capire che qui ci sarà sempre un orecchio e una spalla pronte.

E sabato una compagna di merende si è sentita male, ha passato tutta la giornata in un pronto soccorso, facendo esami su esami e io qui a casa a pensare, a tentare di essere serena, ma poi, nel tardo pomeriggio di rientro dalla spesa, chiedere al Ferrai se mi accompagnava all’ospedale per vederla, perchè volevo essere io a vedere come stava, volevo controllare io con i miei occhi, per poi continuare a subissarla di messaggi per spronarla a rimettersi in sesto, a volersi bene, a dirle che deve mangiare, che si deve tirare fuori dal pantano nel quale è caduta.

Ma oggi pomeriggio una cara amica, compagna fedele di letture, mi ha dato una bella notizia, una notizia nella quale non speravo più, una notizia sulla quale non avevo insistito, perchè per aprire un blog, bisogna essere pronti, bisogna essere convinti, e quindi oggi pomeriggio finalmente ce l’ha fatta.

Alla fine di tutto questo lungo discorso, forse un po’ sconclusionato, volevo dire alle care ragazze, di non farmi preoccupare, di avere un po’ di rspetto per la mia età, di fare le bravine, perchè tanto la mamma è sempre la mamma e per me, voi, sarete sempre le mie bimbe anche quando avrete 90 e passa anni.

9 pensieri su “LETTERA APERTA ALLE AMICHE

  1. Io sono sicuramente la “figliola” più indisciplinata, più sconclusionata, più burlona, ma, almeno per ora, per me non preoccuparti. Ho persino ridotto il consumo di caffè, per non metterTi in agitazione, perchè io ho molto rispetto delle persone anziane (!!).

    Detto ciò, ma ora sono seria, condivido le Tue stesse preoccupazioni, nonchè la consapevolezza di sapere che davvero, ci sono una spalla forte e un orecchio sempre pronto….e non è poco

  2. Ohè, non ti invecchiare più del necessario, che quando io sono nata, tu facevi le medie e sì, forse biologicamente avresti potuto essere mia madre, ma sarebbe stata decisamente una gravidanza precoce!
    Però sai una cosa? È bello sapere che c’è una mamma virtuale che si preoccupa per me.
    Ti mando un abbraccio, sorseggiando uno dei tuoi tè.

    1. Tu sorseggia tè, e non caffè come quella sciamannata di Rita che beve caffè, perché si sa che il tè è una scusa per riflettere e sfondarsi di biscotti 😊

  3. Momenti un po’ turbolenti……, ma passati e adesso mi preparo al grande evento.
    Domenica 18 il mio ragazzo si sposa a Robecco sul Naviglio.
    Sono un tantinello emozionata.
    4p W GLI SPOSI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.