UN NUOVO ANNO

Fra poco meno di 4 giorni la Tata riprenderà la scuola.

Quest’anno è l’ultimo anno di medie, sarà il primo vero anno che la porterà verso l’adolescenza, verso strade a lei sconosciute, strade che a noi, o almeno a me, fanno paura, ma si sa, i bambini crescono, diventano ragazzi e prima  o poi il distacco avviene,

Sono giorni intensi, fatti di momenti allegri e momenti di arrabbiatura.

Sono giorni alle prese con un compito che mi è stato affidato, che sul momento mi ha tolto il fiato e messo un po’ ansia, ma poi, come tutte le cose, se mi impegno, se comincio a ragionare ed a mettere in fila le idee e le parole,  qualcosa di bello, spero, di riuscire a tirare fuori.

Lo debbo fare, debbo riuscirci e con l’aiuto delle persone giuste, ce la posso fare.

Anche solo per ricordare in un futuro vicino e poi lontano, una persona garbata e gentile che, a modo nostro, tutti stiamo salutando.

Annunci

9 pensieri su “UN NUOVO ANNO

  1. yourcenar11

    Ho insegnato per anni nella scuola media inferiore e ti garantisco che se ha gli insegnanti giusti è l’anno più bello, intenso, pieno, ricco di momenti da ricordare e che possono davvero cambiarti la vita! Buon inizio a voi tutti, con il cuore!
    Cristina

    Rispondi
    1. ziacris1 Autore articolo

      A me piace la prof di italiano, ma io sono di parte, lungo tutta la mia carriera scolastica ho sempre trovato delle professoresse di italiano con i fiocchi, lei ha lacune in tecnica e arte, non le piace disegnare e colorare, ma in più non ha nemmeno la mano, e tutti gli anni, con arte e tecnica, è un dramma

      Rispondi
      1. yourcenar11

        Secondo me, non ha trovato – in tecnica e arte – le persone giuste (maestri/e o proff.) per appassionarsi o almeno per interessarsi a due mondi che sembrano apparentemente distanti, ma che invece s’incrociano continuamente, in un’epoca di contaminazioni (anche virtuose) come quella in cui stiamo vivendo.

        Rispondi
        1. ziacris1 Autore articolo

          Mah..vedi finchè si tratta di studiare la teoria andiamo bene, le piace, è appassionata, quest’anno a Roma ci ha fatto lei da cicerone dentro alla basilica di san Pietro, è quando dobbiamo materialmene disegnare che non c’è la mano e nemmeno il tratto

          Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.