Archivi categoria: morte

IL GIORNO DOPO

Ti senti sulle spalle e nella testa tutto il dolore del funerale di un tredicenne.

Come adulto sai che devi cercare di reagire e aiutare tutti quei ragazzi presenti ieri, tutti stretti gli uni agli altri in una chiesa gremita, gremita fino all’inverosimile di tanti tanti tanti ragazzi.

Mai visti tanti ragazzi e ragazze tutti assieme, tutti uniti e solidali, facevano tenerezza nel loro dimostrarsi forti con gli occhi rossi e gonfi di pianto.

Facevano tenerezza nell’osservarli tutti ttorno ai loro professori, più commossi e increduli di loro.

Facevano tenerezza nel vederli stringersi attorno alla famiglia, alle sorelle del loro amico scomparso così all’improvviso, lasciando tutti frastornati.

I compagni di classe, fra i quali anche la Tata, si sono sorretti l’uno con l’altro dando una lezione di dignità e amore disinteressato  tutti noi adulti.

Hanno cantato, hanno scritto una lettera ai genitori del loro amico, si sono fatti consegnare un palloncino biano ognuno da tenere come ricordo di questo compagno così sfortunato.

Si sono messi tutti su di un lato durante la sepoltura e si sono abbracciati tutti stretti stretti piangendo a asciugandosi le lacrime a vicenda.

E’ stato tutto molto duro e penoso per noi adulti, impotenti davanti a tanto dolore, al dolore dei genitori ed al dolore dei ragazzi.

Ma oggi è un altro giorno, si stanno ancora sostenendo, non sappimo e non immaginiamo cosa stiano pensando, si sono chiusi in un mutismo che solo loro possono capire e comprendere.

Da oggi in poi i nostri ragazzi dovranno fare i conti con la Vita che li ha messi davanti alla Morte.

PARLARE AGLI ADOLESCENTI

E’ difficile e faticoso, perchè sai che devi pesare ogni parola, perchè sai che loro cercano in te uno scoglio a cui aggrapparsi per superare la burrasca.

Parlare della morte di un loro compagno, di un loro amico è difficile e faticoso.

Esorcizzare la loro paura, il loro sconforto, la loro angosscia è ancora più difficile e faticoso, perchè, tu adulto, sei nelle loro stesse condizioni e non vorresti che il pensiero egoistico che hai fatto, venisse mai a galla, perchè hai paura che loro, adolescenti, lo percepiscano.

In tanti anni di pianeta cancro mi sono trovata a consolare, a trovare le parole per tutti, per tanti, per me, ma questa volta è duro, faticoso, la mente è inchiodata al dolore, alla sorpresa, al solito pensiero egoistico che da ieri ogni tanto fa capolino.

Parlare agli adolescenti in questi frangenti significa prima di tutto ascoltarli ,lasciarli parlare ed ascoltare attentamente le loro parole, i loro pensieri, ma ascoltandoli veramente, concentrandosi su di loro, senza  interromperli, ascoltando e percependo anche le loro più piccole sfumature, emozioni, e da lì partire con le parole che possano alleviare il loro sconforto.

Da lì partire e trovare le parole giuste per sviscerare le loro emozioni, fargli capire che è normale che si sentano persi, che non c’è da vergognarsi a piangere, perchè la perdita di un compagno, amico è un macigno, devi fargli capire che non debbono sentirsi in colpa se fino a poco tempo fa dicevano che non lo sopportavano, che non gli stava bene il suo comportamento, adesso tutto questo viene messo in  discussione dalla sua morte.

Da lì bisgona partire e fargli capire che, se adesso provano dolore, che se adesso sentono la sua mancanza è perchè proprio così inviso non era, qualcosa di buono questo ragazzo ha lasciato nei loro cuori e nelle loro menti.

E tu adulto, scacci per l’ennesima volta, il pensiero egoistico che ogni tanto fa capolino.

VOLA IN ALTO

E’ da stamattina che il tam tam si sta diffondendo.

La morte improvvisa di un tredicenne ha scosso la quiete di questo scampolo di vacanza che è rimasto ai nostri ragazzi.

La morte di un loro ex compagno di classe li ha bruscamente risvegliati, li ha messi di fronte al dolore, alla perdita di ua persona conosciuta, li ha messi davanti al passo più importante della vita: la Morte.

E adesso sta a noi adulti accompagnarli attraverso tutte le fasi del dolore.

Certo non eri uno stinco di santo, ma ci stiamo ancora tutti chiedendo cosa potesse essere successo un anno e mezzo fa che che ti ha trasformato nel bullo che eri diventato, nel ragazzo di 13 anni che eri diventato,  bullo, smargiasso, ma tanto fragile ed  influenzabile.

Anche se non dobbiao meravigliarci di nulla, perchè sappiamo tutti che il mestiere del genitore, è quello più difficile al mondo, non si può e non si dovrebbe morire improvvisamente a 13 anni, stroncato da una patologia che ultimamente,sembra, ti stesse dando tregua.

Abbiamo avuto tutti 13 anni, le cavolate le abbiamo fatte tutti, quindi non meraviglimoci dei tuoi atteggiamenti, in epoche e maniere diverse, abbiamo tutti cercato di uscire dal branco, di farci più grandi di quello che eravamo, ma tu hai pagato il prezzo più caro.

Vola in alto ora, libero dai tuoi fantasmi.

DI EUTANASIA E ALTRO IN ITALIA

DJ Fabo e Marco Cappato. Consulta chiede legge su fine vita.
Ragioniamo:
perchè non si riesce ad avere una legge che ci permetta di morire con dignità? Scegliendo noi, come quando e perchè? I nostri politici catto/demo/comunisti cos’hanno paura che ci sarà la corsa all’eutanasia?
Abbiamo una legge sul divorzio e sull’aborto, non si è mai vista una corsa al divorzio o all’aborto come IVG. Si è dato, solamente, la possibilità a chi vuole divorziare o abortire di non finire in galera, o in mano alle mammane o di dover andare all’estero.
Ma i nostri politici e i detrattori all’ eutanasia, si sono mai informati su come funziona? Qualcuno si è mai preso un po’ di tempo per visitare il sito della “Dignitas” o il sito dell’associazione Luca Coscioni?
Fatelo prima di parlare.
Informatevi prima di sentenziare.
Pregate il vostro dio, qualunque esso sia, di non averne mai bisogno, ma date la possibilità a chi ne necessita, di poterlo fare “serenamente”, anche se “serenamente” è una parola inappropriata, perchè nessuno di noi sceglie “serenamente” il suicidio assistito per grave malattia.
P.S: non venite a dire, non nascondetevi dietro, alla frase”In Italia abbiamo il Vaticano”!

A TE

A te che mi facesti conoscere gli Emerson Lake & Palmer, a te che conoscevo dall’età di 12 anni.

e adesso, nel silenzio della casa, stanno affiorando i tanti ricordi di quegli anni vissuti a Borgo Panigale.

Dei pomeriggi passati tutti assieme a non fare nulla, per poi salutarci, i compiti chiamavano, delle tante risate fatte tutti assieme, le risate stupide degli adolescenti.

E di tutta quella musica di cui era infarcita la tua vita, degli appuntamenti al mattino in autobus per andare a scuola, tu alle Aldini io all’Itis.

E di tutte le volte che ci siamo ascoltati a vicenda, la nostra era un’amcizia prfonda, tanto profonda che a qualcuno, a volte,  dava fastidio e ci prendeva in giro, ma noi non lo abbiamo mai considerato.

E quella volta che mi accompagnasti al mare con la Lambretta, le risate lì si sono sprecate, pensa, eri ben voluto anche dai miei genitori, anche loro avevano capito che eri un amico sincero, che eri un bravo ragazzo.

a te, che ci hai lasciati sgomenti e increduli, con gli occhi pieni di lacrime, dimmi..si può piangere singhiozzando alla nostra età?

Per te si può piangere disperati anche alla nostra età….Ciao Mario

EFFETTO CATENA

E’ quell’effetto che si innesca da una piccola cosa.

tutto comincia con una mail, poi si evolve in telefonate e visite, per continuare con parole, infine una telefonata che come conseguenza ha una  nuova mail e una telefonata.

quelle mail che non vorresti mai scrivere ,una mail dove cerchi di esprimere tutto il tuo dolore per la perdita di una persona per cancro, dove cerchi parole intelligenti per consolare chi è lontana e sai che in questo momento sta soffrendo per la perdita e per la lontananza, una mail nella quale cerchi, tenti, provi ad infondere calore, affetto e dove tenti di lenire un dolore, che sai bene difficilmente potrà essere alleviato.

per finire con una telefonata, anche questa una telefonata che non avresti mai voglia di fare, per tentare di consolare e di trasmettere calore e affetto a chi in questo momento sta piangendo una persona morta di cancro.

e intanto il tempo passa, fai finta di niente e si manda giù l’ennesimo magone.