IL MATTINO DOPO

E’ il mattino che segue una giornata tranquilla ed in pace.

E’ il mattino di una giornata che si preannuncia in salita.

Nessuna nube all’orizzonte, ma qualcosa ti dice che sarà in salita, anche se le prima incombenze filano liscie, ma quel senso di salita non passa.

Finalmente arriva sera, la salita non c’è stata, ma quel nervosismo che ti perseuita dalla mattina non è ancora passato.

Quel senso di salita da affrontare senza sapere cosa ti aspetta è sempre lì in agguato, e non riesci nemmeno a parlarne tanto la situazione è confusa.

Poi pensi ad una chiacchierata e qualcosa comincia a farsi strada, il tuo istinto di madre, il tuo fiuto anche questa volta aveva sentito che qualcosa stava bollendo e la salita è lì che ti guarda, sai che la devi affrontare e rimanere ben salda, speri che le tue parole vengano ascoltate e che possano aiutare chi le ha ascoltate.

Intanto domani è sabato 3, anche quella è una salita da “il mattino dopo”

NUVOLE E PAROLE

Passeggiando in un caldo pomeriggio di primavera, guardando in alto.

Il cielo è azzurro come solo in un quadro potrebbe essere, il sole scalda piacevolmente ed i passi sono leggeri,ci sentiamo bene in questa breve passeggiata che ci stiamo concedendo in zona rossa.

Non c’è nessuno in  giro, attorno a noi solo campagna:

“Se continuasse questo tempo si potrebbe…sì, ma poi dove si andrebbe, solo a lavorare…non conviene”

“Intendi dire riattaccare l’assicuurazione della moto?”

“Certo, ma poi…non ci possiamo allontanare dal comune, la moto è fatta per andare oltre il comune”

“Avrei tanta voglia di andare al mare in moto, di alzarmi una domenica mattina, guardarci e partire dicendoci che andiamo al mare a mangiare i passatelli con il pesce, partire un pomeriggio un po’ indolente ed arrivare a Cervia per mangiare una piadina, arrivare a Dozza Imolese per guardare per l’ennesima volta i murales, avrei voglia—”

E ci guardiamo, abbiamo tutti due gli stessi desideri, basterebbe riattaccare l’assicurazione della moto.

Basterebbe un click, per riattaccare l’assicurazione e fare sparire la zona rossa.

Torneranno quei momenti.

 

PENSIERI DA ZONA ROSSA

La zona rossa prosegue fra alti e bassi.

Si segue con trepidazione chi è stato colpto dal virus, ci si dà da fare alla ricerca di risposte per la vaccinazione dei Fragili.

Tante parole, per il momento, ma pochi fatti, ma vogliamo metterci tranquilli ed aspettiamo.

Discorsi e chiacchiere via whatsapp, dubbi e pensieri che vengono condvisi e si trova anche una spalla su cui appoggiarsi.

Alle tac di controllo ed alle successive visite non ci si abitua mai, esatto Orsalè, sono passati anni dalla prima diagnosi, un anno dall’ultimo intervento, ma non ci si abitua.

Stella bella, mi ha detto una cara Amica, per chi sta vicino ad un malato è molto più difficile del malato stesso.

E allora oggi è un giorno di chiusura, di pensieri che vanno e vengono, che vagano come gli occhi su un cielo grigio chiaro, che non è nè sereno e nemmeno scuro.

Oggi si aspetta che passi.

TANTI GOMITOLI

Tanti gomitoli, una coperta che non piaceva in fondo ad un armadio, tanta lana sprecata, zona rossa, bisogna trovare qualcosa, la mente deve trovare qualcosa da fare per sopperire ai momenti di noia e di scoramento che possono arrivare in questo momento di ennesima zona rossa. La coperta inutilizzata va disfatta,ed un nuovo progetto prende forma nella mente. La zona rossa serve a questo, a trovare la maniera di far passare il tempo piacevolmente, a non farsi prendere dalla noia, Tanti gomitoli colorati da alternare a piacevoli letture ed alla cucina. Tanti gomitoli colorati come la primavera a di là delle finestre.

Tanti gomitoli colorati fanno la differenza

GIORNO QUATTRO

Giornata all’insegna della lentezza, facciamo con calma.

Giorno quattro, è domenica, facciamo come in tempi non sospetti, in epoca pre.covid, con calma e lentezza…tanto del tempo davanti ne abbiamo, dobbiamo fare venire sera nel miglior modo possibile.

Giorno quattro, la giornata è bella, classica giornata di primavera, proprio come un anno fa, quando ancora eravamo “ignoranti” su quello che sarebbe stato, quando ancora credavamo che 15 giorni avrebbero sistemato tutto.

Giorno quattro, sole, cielo azzuro, una cartolina, i fiori gialli della siepe improvvisamente sono tutti esplosi e allora usciamo, facciamo quei famosi 500 metri attorno a casa, prendiamo una boccata d’aria, in silenzio, ognuno di noi alle prese con le proprie emozioni,si fa un giretto praticamente attorno a casa, nei campi limitrofi, poi si rientra, ma intanto un po’ di sole l’abbimo preso.

Giorno quattro, domenica

GIORNO TRE

Quel posto vuoto a tavola fa rumore, il silenzio fa rumore.

Giorno tre, cena del venerdì sera senza la Tata, mancano le sue chiacchiere di adolescente, le sue risate, i suoi racconti, le  nostre prese in giro.

Giorno tre manca la sua competitività nel giocare a scala quaranta dopo cena, con i suoi occhi luccicanti quando riesce a chiudere, lasciandoci di stucco.

Giorno tre, la tua assnza è quella che pesa di più in questo momento.

Giorno tre di qundici.

Sarà lunga.

LA NOSTALGIA

E’ quella che mi prende guardando un film.

La nostalgia, la malinconia quando vedo che si abbracciano, che stanno vicini, che si stringono gli uni ali altri per incoraggiarsi.

La nostalgia di un abbraccio a LaMiaMamma, la voglia di abbracciare e strfaugnare la Tata, la mancanza di un abbraccio a LaFilia, il magon che mi viene quando avrei bisogno di un abbraccio caloroso de LaFiglia.

La nstalgia, la malinconia di tutte quelle azioni che prima erano scontate ed ora ancano, mancano come l’aria, perchè fcevsno parte del nostro vivere, del nostro consolarci e consolare.

Quanti abbracci ci sono stati tolti?

A SETTEMBRE

“A settembre, c’è nell’aria una strana sensazione che accompagna l’attesa. E ci rende felici e malinconici. Un’idea di fine, un’idea di inizio”.

E’ così che oggi è il tempo, il sentire il silenzio ed i rumori.

Le tende smosse da un filo di aria, danno l’impressione di quello che sta cambiando.

E’ cambiata la luce, è più calda, avvolgente e tenera, ha smesso gli abiti della sguaiataggine dell’estate calda, afosa e soffocante.

L’aria si è fatta più fine, leggera, liberando la mente ed i pensieri dall’oppressione dell’umidità appiccisosa della Bassa.

La fine di una stagione che, quest’anno, tutti abbiamo vissuto con più insofferenza, non si confaceva al periodo impegnativo passato, la fine di una estate che ci siamo trovati a vivere senza esserne preparati.

L’inizio di un nuovo periodo pieno di incognite, timori, alla finestra per vedere l’evoluzione della situazione, con il timore dei mesi a venire, guardando avanti con una luce di speranza nel domani. mettendo un piede davanti all’altro giorno dopo giorno, cercando di non metterli in fallo. senza guardare il probabile baratro che potremmo avere al fianco.

Un inizio incerto, ma mettendoci tutta la nostra buona volontà.

 

 

 

 

QUANTO MANCA?

Mancano circa 108 giorni alla fine di questo anno.

un anno impegnativo, pesante fisicamente e mentalmente-

tutti i programmi fatti all’inizio dell’anno, sono stati ribaltati, quasi nessuno siamo riusciti a mantnerlo-

ma va bene così, ci siamo ancora tutti, abbastanza in salute, abbiamo scollinato un intervento oncologico, quei 10 giorni di febbraio per me e per LaMiaMetà, sono in un angolo al buio.

qualche giorno lontani da casa, grazie alle Persone Speciali che ci hanno supportato in tutto questo tempo, siamo riusciti a ritagliarcelo, con gli Storici di Ferrara ci siamo visti e sentiti spesso, e anche loro hanno fatto la loro parte.

pensavo che, ormai, il più fosse fatto, mi rimaneva il pensiero e l’ansia del rientro a scuola della Tata….

…..invece no, l’anno continua ad accanirsi, mi sono fratturata un osso del gomito.

posso? sono stufa marcia.

e auguriamoci che in questo ultimo scampolo d’anno, non succeda niente altro.

l’anno del signore 2020 entrerà nei libri di storia, alla voce sopravvivenza e sopportazione del genere umano.

L’INCERTEZZA

L’incertezza che attanaglia, il non sapere, il non avere la minima idea di quando tutto potrebbe cominciare a svoltare verso una parvenza di normalità.

Questo lento stillicidio che prosegue di 15 giorni in 15 giorni è una lenta agonia.

Il non avere una certezza, il non vedere uno spiraglio erode anche la volontà di reagire, di organizzare la giornata in modo tale da non avere tempi morti, in cui riflettere, pensare.

Questo silenzio, l’immobilità al di fuori delle finestre, la mancanza di rumori che erano diventati sottofondo normale di una vita normale, banale e a volte noiosa, ma vita viva, no sospesa.

Oggi va così, ma poi passa.