Archivi tag: presa di coscienza

96 ORE

Di queste ultime 96 ore, quasi più della metà le ho passate in ospedale.

In corridoi senza finestre, ed io soffro nel non vedere entrare luce naturale, dove l’unica luce è quella dei neon, che non aiuta per niente a mascherare quel colorito verdognolo e l’arrossamento degli occhi, dovuti alla stanchezza, alla fatica, allo stress.

Più della metà di queste ultime ore le ho passate seduta sopra a sedie scomode o poltroncine nei “soggiorni” dei reparti.

Tante di queste ore le ho passate leggendo, spesso senza capire cosa stessi leggendo, andando avanti per inerzia.

Parte di queste ore le trascorse a cercare gli sguardi dei medici, del chirurgo, degli infermieri che si sono occupati de LaMiaMetà, nella speranza di trovare conforto nelle loro parole, nei loro gesti, cosa che è avvenuta, ma intanto la sensazione dell’aria che mancava, che veniva prepotenemente risucchiata dai polmoni al pensero di quello che stava succedendo e di quello che ci sarebbe toccato nei giorni, nelle ore future, previsioni che si stanno puntualmene verificando, è una strada che abbiamo già faticosamente percorso 12 anni fa, ma 12 anni fa era più giovane ed il fisico non era minato e debilitato da 12 anni di terapie quotidiane antitumorali.

Parte di queste ore le ho passate con LaMiaMetà a parlargli, a rincuorarlo, a sostenerlo e, soprattutto, a coccolarlo per fargli capire con gli sguardi, con le parole dette a bassa voce, per non rompere il silenzio ovattato dell’anestesia, del risveglio lento e prolungato dagli antidolorifici, con i gesti lenti, delicati di una carezza, di una stretta di mano, di un massaggio ai piedi,per trasmettergli sicurezza, tranquillità  e, cosa iù importante, che qui tutti si tifa per lui.

96 ore, 4 giorni, il numero 4 che ricorre spesso ultimamente.

DOCCIA SHAMPOO E CREME

E’ il miglior antidoto che io conosca per superare i gavi momenti di crisi.

E’ una tattica che cominciai  ad adottare ai tempi della chemioterapia.

Arrivavo a casa dopo le sedute, mi buttavo sotto alla doccia e lasciavo che l’acqua calda portasse via tutto il dolore, l’affaticamento, la paura, l’incertezza.

Mi insaponavo, mi facevo anche lo shamoo. nonostante fossi calva, ma la sequenza era questa: doccia schiuma senza nessun profumo per evitare nausee, conati di vomito, shampoo sulla testa pelata, poi alla fine tanti minuti sotto l’acqua calda in attesa che tutta la tensione scivolasse via assieme all’acqua, giù per lo scarico

Terapia poco convenzionale, ma almeno alla fine non mi sentivo più addosso l’odore dell’ospedale, del veleno che mi era stato iniettato lentamente in vena, avevo dei momenti di tranquillità dovuti al potere dell’acqua calda.

Ed è una pratica che mi è rimasta, è una terapia che adotto in  tutti i momenti difficili, quando sono stressata, tesa, impaurita, sotto pressione.

Prendo il tablet, lo accendo e cerco la mia stazione radio preferita, apro i rubinetti della doccia, lascio che il vapore ed il calore riempiano il bagno, poi vado sotto ed assaporo il potere rilassante dell’acqua calda su muscoli che si sciolgono, le spalle che si rilassano e mi lascio avvolgere dal calore, dal profumo del docciaschiuma e poi dello shampoo.

Alla fine dell’operazione doccia/shampoo, viene il meglio: la crema.

Operazione crema corpo, spalmata lentamente, con gesti lenti, dalla punta dei piedi fino alla radice dei capelli.

Rituali collaudati che mi rimettono in pace con il mondo, almeno per un po’.

IN CARENZA

Di ossigeno, Di quello buono che ti alleggerisce i pensieri e ti fa respirare bene e sorridere.

Di tranquillità. Quella tranquillità che ti fa dormire bene e riposare, Quella tranquillità che dal 20 aprile sembra aver perso la strada per entrare in casa. Quella tranquillità che deriva dal non avere sempre sulla testa una spada di Damocle che non sai mai se e quando ti colpirà, perchè le spade di Damocle sono cattive, infide e perfide, ti colpiscono sempre quando meno te lo aspetti e a tradimento, quando dopo tante difficoltà hai raggiunto un minimo di equilibrio, loro si staccano, colpiscono e lasciano storditi.

Di serenità. Quella serenità che deriva dalla vita che fila liscia e banale nella sua  normalità e noiosità.

Di leggerezza, di voglia di ridere.

RITIRARSI

In buon ordine, in silenzio.

Lasciare andare tutto ed ascoltare le parole, le emozioni e le sensazioni.

Riprendere la buone abitudini in solitaria, per andare avanti.

Doccia, capelli e tanta crema, come allora, per lavare via gli odori e le sensazioni, per lavare via la paura e l’angoscia.

Sentire di nuovo le spalle forti, sentire di nuovo che va tutto per il verso giusto, lasciarsi guidare, ascoltare e imparare.

Dentro tutta l’aria, fuori tutta l’aria. Tutto a posto.

DI EUTANASIA E ALTRO IN ITALIA

DJ Fabo e Marco Cappato. Consulta chiede legge su fine vita.
Ragioniamo:
perchè non si riesce ad avere una legge che ci permetta di morire con dignità? Scegliendo noi, come quando e perchè? I nostri politici catto/demo/comunisti cos’hanno paura che ci sarà la corsa all’eutanasia?
Abbiamo una legge sul divorzio e sull’aborto, non si è mai vista una corsa al divorzio o all’aborto come IVG. Si è dato, solamente, la possibilità a chi vuole divorziare o abortire di non finire in galera, o in mano alle mammane o di dover andare all’estero.
Ma i nostri politici e i detrattori all’ eutanasia, si sono mai informati su come funziona? Qualcuno si è mai preso un po’ di tempo per visitare il sito della “Dignitas” o il sito dell’associazione Luca Coscioni?
Fatelo prima di parlare.
Informatevi prima di sentenziare.
Pregate il vostro dio, qualunque esso sia, di non averne mai bisogno, ma date la possibilità a chi ne necessita, di poterlo fare “serenamente”, anche se “serenamente” è una parola inappropriata, perchè nessuno di noi sceglie “serenamente” il suicidio assistito per grave malattia.
P.S: non venite a dire, non nascondetevi dietro, alla frase”In Italia abbiamo il Vaticano”!

MOLLE E PINZE

giornata da prendere con le molle e le pinze.
c’è un sottile filo di nervosismo in sottofondo.
tanti impegni, tante rogne che si sono accumulate in una settimana che leggera non è stata.
e tutto quello che si intromette nelle mie giornate che rotolano nella banalità più normale, tutto quello che viene ad alterare un equilirio già precario, mi mette nervosismo.
e dire che fuori sembra voglia far capolino un po’ di sole.
giornata da guardare di sotto in sù, giornata da annusare, cercando di capire come evolverà a come andrà a finire.
tutto si incastra, c’è sempre chi aggiunge e mai nessuno che toglie.
Ma poi passa, questo lo so di sicuro.

INCREDULA E SOSPESA

Incredula, dopo 4 mesi e mezzo sono arrivata alla fine del percorso ricostruzione.
sospesa in questo limbo di settimane a venire durante le quali non avrò nessun impegno ospedaliero.
Incredula per essere qui, così viva e così pimpante, come se non avessi mai passato questi ultimi 10 anni.
sospesa, un po’ in balia della malinconia….11 anni fa come oggi, entravo in sala operatoria per subire il primo intervento di asportazione del cancro.
Incredula, ripensando ad allora, di essere già andata oltre.
Corsi e ricorsi della storia: 11 anni fa il cancro, dopo 11 anni la ricostruzione per chiudere il discorso cancro.
Corsi e ricorsi della storia: 11 anni fa era caldo esattamente come oggi.

PRESA DI COSCIENZA

…è il primo giorno di dicembre.

Si prende coscienza che è ora di a giungere qualcosa di natalizio al template, ae qualcosina per lo sfondo ho già salvato su ldesktop, sperando di non far inorridire troppo le amiche cancer-bloggger, vero Giorgia?

Si prende coscienza che fra 24 giorni è Natale, e non sono ancora in preda all’ansia di cene, cenoni, pranzi e sistemazione dell’ albero di Natale

Si prende coscienza che è un mese impegnativo per via dei compleanni, tanti e tutti a raffica, via uno avanti un altro, cominciando dalla Tata e finendo dal Ferrari.

Si prende coscienza che è ora di cominciare con i bilanci, fra 30 giorni finisce l’anno ed è ora di iniziare a pensare ai buoni propositi per l’anno in arrivo, tanto poi non riesco mai a metterli in atto.

Si prende coscienza che per certe persone è cominciata l’era delle influenze associate a virus gastro-intestinali, Ferrari in prima fila.

Si prende coscienza che domani è venerdì.

Si prende coscienza che sono sempre più allergica ai contatti costanti con persone nelle ore che io reputo di solitudine.