TRANQUILLITÀ EFFIMERA

E’ quella che aleggia qui in casa per questa sttimana ormai agli sgoccioli.

Una settimana senza Tata, al mare con mamma e papà, e senza la Cocca pelosa quadrupede.

Una settimana fatta di tranquillità, senza nessun patema, senza dover correre da lei alle 10 sperando di trovarla già alzata, possibilmente già vestita e colazionata, senza grandi imbronciature dovute all’età.

Una settimana senza i baci bavosi della Cocca pelosa quadrupede, anche lei al mare al seguito di tutta la famiglia.

Ma questa settimana è volata, è già agli sgoccioli, passata fra lavatrici e assi da stiro, fra riportare a casa loro la biancheria già lavata e stirata, ricordarsi di passare anche da loro a mettere fuori la raccolta indifferenziata e la plastica, perchè il mercoledì mattina passano a ritirarla, ricordarsi di passare da loro il mercoledì sera per ritirare il bidone dell’indifferenziata e portare giù la carta, che verrà ritirata il giovedì mattina,

Una settimana passata a guardare le foto della tata e la Cocca pelosa la mare, sull’altra sponda dell’Adriatico, la bipede sempre in acqua e la quadrupede recalcitrante al bagno, per poi decretare che lei ama la sabbia e la spiaggia.

Una settimana di pranzi e cene solamente io e il Ferrari, che fra l’altro si è infortunato, mettendo male un piede se l’è storto ed ha preso una grossa contrattura alla schiena, ma anche questo infortumio, come la settimana di tranquillità effimera, è agli sgoccioli.

E da mercoledì in poi tutto tornerà come prima, divisa fra due case, fra la Tata e la Cocca.

 

GELATO

il rito della sera, il gelato sul divano.

Il rito della sera, televisione magari con un bel film, altrimenti mi consolo sapendo che passerò un paio di ore al fianco del Ferrari in silenzio.

il rito della sera, uncinetto guardando o ascoltando la televisione.

Il rito della sera ieri sera, e da un paio di giorni a questa parte, è gelato, televisione e uncinetto, per soffocare il marasma dentro di me.

Marasma fatto di energie che vanno e vengono lasciandomi senza respiro, di pensieri, marasma che a sera mi lascia senza forze.

Ed è una settimana forse nemmeno tanto impegnativa, ma è una settimana che mi lascia con quel piccolo senso di insoddisfazione, che  serpeggia e mette di malumore, togliendo altre energie.

e allora aspettiamo il rito della sera, quando finalmente tutto è silenzio, silenzio interrotto solamente dalla televisione e dalle parole scambiate fra me e il Ferrari.

Il rito della sera: gelato, televisione, uncinetto e chiacchiere pacate

 

C’È BISOGNO

Di linearità, di normalità e di tran tran.

Ci sarebbe bisogno.

Non c’è bisogno di scossoni o granelli in mezzo agli ingranaggi, tutto dovrebbe funzionare senza sussulti e ben oliato.

“Dovrebbe”, “sarebbe” tutti verbi al condizionale.

Perchè qui ogni tanto si inciampa, si traballa, si vacilla, ma non si molla.

Tentando di ritrovare l’ottimismo e la fiducia.

DOMANI

Domani sarà il lunedì più lunedì dell’anno.

Ho già preparato le sveglie delle 5, ho già preparato i vestiti.

Si torna alla normalità fatta di buio fuori dalle finestre, di freddo fuori dalle finestre, e di silenzio dentro casa e fuori casa, quel silenzio che aiuta a mettere assieme le persone che stanno affrontando il freddo che c ‘è fuori da quelle finestre.

Io per prepararmi aldomani, oggi pomeriggio ho fatto merenda da Ca’ Pelletti

Domani tutto nella norma

STAMATTINA

Io stamattina volevo andare a fare un giro in centro.

E’ da tanto tempo che non vado in centro a Bologna da sola, così, tanto per fare un giro, per entrare in tutti i negozi senza uno scopo preciso.

Io stamattina volevo…

Invece…sono rimasta a casa.

Non sono ancora attrezzata mentalmente per andare in centro con la pioggia.

A metà settembre non sono ancora entrata nella modalità “piove ma si va lo stesso”.

E’ uno stato mentale nel quale non sono ancora entrata.

A metà settembre non pretendo le giornate lunghe e assolate di agosto o luglio, ma un briciolo di sole e il cielo azzurro, aiuterebbero ad andare verso quello stato mentale che ti fa dire “si va lo stesso”.

Non sono ancora attrezzata per girare con l’ombrello aperto.

BENVENUTI IN ITALIA

E nella sua burocrazia.

Ufficio passaporti per rinnovarli, anzi per rifarli, perchè, nonstante siano ancora validi, per le nuove normative USa sono da rifare con impronta digitale e firma elettronica.

Si fa tutta la trafila con foto, versamenti e marca da bollo e, una volta fatto tutto, via, si parte per la Questura della città.

“Signora, non c’è congruenza fra il vecchio passaporto, la nuova richiesta e la carta d’identità. Vado a vedere cosa mi dice il capo-ufficio”:

Il ferrari non perde l’occasione per rimarcare che debbo sempre farmi riconoscere, che chissà cos’ho combinato questa volta, che sono chissà quale brutto personaggio nella vita che conduco parallela a questa di Casalinga Disperata.

Alla fine, dopo che tutti  presenti nell’uffcio avevano le orecchie tese per carpire chissà quale mio segreto immondo nascosto, l’incongruenza si  svela:

ho un nome composto e nei documenti ufficiali e nella richiesta di rinnovo che ho compilato, ho messo il trattino fra il primo e il secondo nome, mentre sul vecchio passaporto questo trattino si è perso per la strada!!!!

“Ma signora stia tranquilla, noi non le garantiamo che il nuovo venga fuori con il trattino, ma rimane valido per l’espatrio, tanto più che lei, con qusto vecchio, ha già fatto due viaggi negli States, di conseguenza per loro lei va bene così…senza trattino”

Siamo al paradosso.

Benvenuti in Italia!

MALEDETTA PRIMAVERA

Finalmente sei arrivata.

E  hai portato delle belle giornate di sole, di temperature gradevoli.

Hai portato la voglia di rimanere fuori, di pedalare, fra parchi e giardini senzap ensare a nulla.

Hai riportato un po’ sole e di umore meno nero.

Hai portato l’allergia, il prurito agli occhi che non da tregua, il pizzicore al naso, gli innumerevoli starnuti, la tosse, a volte anche qualche attacco di asma, l’orticaria e quel perenne senso di inquietudine che provocano tutti questi sintomi dell’allergia.

Benvenuta primavera, che doni una vita sulle montagne russe a noi allergici.