TANTI AUGURI A TE

Tanti auguri a te MiaSorella.

quest’anno è un compleanno di mezzo, uno spartiacque, non sono più 50, ma i 60 sono ancora lontani.

è il numero in cui tiri le somme, ma io so che per te le somme sono difficili.

sono gli anni in cui prendi coscienza del tempo che è passato, anche se ai miei occhi sei sempre LaMiaSorella piccola.

Ti auguro di passare altrettanti anni sereni e felici, che ti possa essere resa tutta la gioia e la felicità che ti meriti.

ti auguro serenità, perchè è di quella che hai bisogno, serenità, tranquillità per poter finalmente tirare un sospiro di sollievo, per poter finalmente cominciare a respirare liberamente, senza temere quello che può esserci dietro l’angolo.

ieri sera al telefono mi dicevi che oggi avevi intenzione di passare un paio d’ore dentro alla cartoleria di Bolzano su due piani, un paradiso per te. Ed io ti auguro ti riuscire a passare quel tempo che ti sei  prefissata in beatitudine dentro a quel negozio che ti riempie di gioia.

auguri LaMiaSorella

HELLO SISTER

Happy birthday!
La mia sorellona che oggi compie gli anni.
La mia sorellona sempre attenta e presente, sempre pronta d allungare una mano e una spalla sulla quale piangere.
La mia sorellona che in tutti questi anni mi è stata al fianco, sorreggendomi e guidandomi fuori dalle paludi.
La mia sorellona che vorrei sempre proteggere da tutto e da tutti, che per me sarà sempre quella bimbetta piccolina e paffutella che giocava con la bambolina che non cadeva mai.
Auguri LaMiaSorella, se tu no ci fossi bisognerebbe inventarti.

AL TELEFONO….

…con LaMiaSorella:
“Ho passato una notte alternativ, al pronto soccorso per una colica renale senza calcolo!”
“Ma dai Tinna, non ti fai proprio mancare nulla!!!”
“E certo cara, fino a 46 anni le uniche due volte che ho visto un ospedale sono statea 8 anni per l’appendice e a 20 per partorie. Nel mezzo penso, credo di aver avuto l’influenza 3m assimo 4 volte, poi a 46 ho deciso di ammalarmi seriamente e mi hanno asportato un cancro. Nei dieci anni successivi mi sono sempre barcamenata, ma grandi problemi quasi zero…ora che ho deciso di rimettermi in sesto, facendomi rifare quello tolto 10 anni fa, non riesco più a staccarmi dagli ospedali”
“Tinna, ammettilo fai tutto questo per avere la morfina aggratisse!!!!”
Sorella suonata che rideva a crepapelle, degna sorella di cotanta blogger

CUORE DI ………..

……donna che batte a fianco di una cara amica che ha appena intrapreso il viaggio nel mondo cancro, un cuore che si augura che questa amica sia “fortunata” da potersela cavare con intervento e radio intraoperatoria;
…… donna e amica che sabato avrebbe voluto essere a Modena assieme alle altre amiche cancer per sentire parole di fiducia e incoraggiamento verso chi sta imboccando la strada lunga e faticosa di paziente oncologico e parente di paziente oncologico, ma il recente intervento mi ha tarpato le ali, anche se con il cuore e la mente ero con loro;
……. di mamma che trepida per LaFiglia in questo momento, che la vede sottoposta a stress sul luogo di lavoro;
……. di mamma orgogliosa della sua Figlia per le cure e le attenzioni ricevute, per la cura e le attenzioni che riserva sempre alla Tata;
…… di zia che si preoccupa del Nipote alle prese con le difficoltà della scuola superiore, lui anima candida che si scontra quasi quotidianamente con menti chiuse e ottuse;
…… di figlia che non saprebbe come fare senza LaMiaMamma, che mi aiuta e sostiene in qualsiasi situazione, figlia che spera che con questo ultimo intervento di smettere di dare ansia a questa Mamma;
…… di moglie che si preoccupa per il Ferrari, che vorrebbe essere in forma per potersi accollare alcune incombenze di lui, che trema tutte le volte che durante la notte lo sente tossire, che si sente frustrata non riuscendo a fare nulla per sostenerlo;
…… di nonna che sorride e ride sempre quando il pensiero della Tata la sfiora, che non vede l’ora di rimettersi in piedi del tutto per poterla accompagnare a scuola, sperando che cominci la bella stagione, durante la quale io e lei ci muoviamo a piedi e parliamo e giochiamo prima dell’inizio delle lezioni;
…… di sorella che vorrebbe fare per LaMiaSorella tutto quello che lei ha fatto, fa e farà per me, sapendo di averla sempre al fianco, pronta adascoltarmi nel caso dovessi “inciampare”.

DI GIORNI E PENSIERI

Di giorni che si snodano lenti e di pensieri che rimbalzano gli uni contro gli altri.
Di giorni che pensi di essere già avanti e sorridi, ma poi capisci che la tua voglia che passino in fretta li fa accelerare e ti intristisci.
Di pensieri che dici di non avere e che invece sono lì nascosti, in agguatoe ti tendono leimboscate, presentandosi quando meno te li aspetti.
Di pensieri che subito metti all’angolo dicendoti che non hai voglia di prenderli in considerazione.
Di giorni allegri passati girando e rigirando con la mano della Tata nella mia mano, pronta a scaldarmi e a farmi sorridere.
Di giorni e pensieri passati uncinettando, leggendo, guardando la tele, parlando con il Ferrari, preparando stuzzichini e bevendo teà.
Di giorni futuri presi nella preparazione della cena con LaMiaSorella per gli 80 anni de LaNostraMamma.

IO (NON) HO PAURA

Invece ne ho tanta.
Una giornata intera al ps con LaMiaMamma mi ha messa davanti alla paura.
La paura di perderla, la paura di non averla più al mio fianco per aiutarmi e sostenermi durante i miei sbandamenti.
Nulla di grave, ma tutta la serie di accertamenti a cui l’hanno sottoposta, il vederla tutta livida in viso e su quella barella in attesa di eseguire, raggi X, tac, eco e quant’altro, il vedermi circondata da tante persone anziane, con tutti i loro acciacchi, tutte le loro problematiche, ha riaperto una porta chiusa in fondo alla mia mente.
Io (non) ho paura…..

REGALI TARDIVI

Ho ritirato il regalo di LaMiaSorella dopo 10 giorni.

il regalo di LaMiaSorella era quello che volevo tanto vedere.

il regalo di LaMiaSorella avrebbe condizonato tutto il mio futuro librario.

LaMiaSorella verrà sempre interpellata sulla scelta dei libri da leggere in  futuro, perchè LaMiaSorella dall’elenco che le ho fornito ha trovato proprio i libri che più desideravo leggere.